News

ESORDIO IN TOP 10 PER L'ARBITRO POMPA DI CHIETI. SALVI: "FEDERAZIONE E CLUB UNITI PER FORMARE GLI ARBITRI DEL FUTURO"

09/12/21

  • ESORDIO IN TOP 10 PER L'ARBITRO POMPA DI CHIETI. SALVI:

    L'AQUILA - Lo scorso 27 novembre ha fatto segnare un importante esordio di marca abruzzese, dtavolta nel mondo arbitrale: si tratta del teatino Daniele Pompa, che nel match di recupero Top 10 tra Lazio Rugby e Transvecta Calvisano ha ottenuto il curioso primato di un doppio esordio nella stessa gara, dapprima come guardalinee e, in seguito all'infortunio del direttore di gara, come arbitro dell'incontro.

    Un debutto che ha reso felice il coordinatore regionale degli arbitri e responsabile del reclutamento in Abruzzo Giampiero Salvi, che arriva in un periodo difficile per il settore arbitrale. "È stata una soddisfazione inaspettata, un grande e meritato traguardo per Daniele, che spero per lui rappresenti solo l'inizio". La sua carriera da arbitro è iniziata laddove è finita quella da rugbista, giocata ad alti livelli prima di essere stoppata sul più bello da un brutto infortunio. 

    Proprio gli ex atleti rappresentano una buona risorsa per il reclutamento di nuovi arbitri, un ambito che sta vivendo diverse difficoltà. "Facciamo fatica a generare un ricambio tra gli arbitri, un pò per problematiche legate al Covid, un pò perchè questa è un'attività che deve nascere dalla passione, dove è importante sapersi gestire autonomanente, e non è facile far appassionare i ragazzi di oggi al mondo arbitrale. Una buona soluzione è quella di trovare ex-giocatori; l'arbitro di rugby è particolare, richiede conoscenza del gioco, molti arbitri di adesso non ha mai giocato, pur svolgendo egregiamente il proprio lavoro. Il bacino d'utenza è ampio, ma ci vuole l'ausilio dei club".

    Dello stesso avviso il consigliere regionale e presidente dell'Avezzano Rugby Alessandro Seritti: "E' opportuno ricordare a tutte le società che la figura del direttore di gara è fondamentale per lo svolgimento degli incontri. Gli sforzi messi in campo da ogni realtà sportiva al fine di costituire le squadre per le categorie ufficiali potrebbero essere vanificati allorchè mancassero gli arbitri, a quel punto tutti i ragazzi sarebbero costretti ad effettuare solo allenamenti senza mai confrontarsi con degli avversari e questo porterebbe sicuramente ad un abbandono. E' difficile andare a reclutare ragazzi interessati a rivestire questo ruolo fuori dal mondo della palla ovale, quindi dobbiamo essere noi società ad interessare risorse nelle nostre club house e nei nostri campi".

    Nonostante le difficoltà, l'esordio di Daniele Pompa in top 10 dimostra che la regione continua ad essere un'imporitante fucina di talenti: "Non abbiamo le strutture e le risorse delle regioni del Nord, ma continuiamo a lanciare talenti di livello. Sono ottimista, vedo un'inversione di tendenza positiva, un aumento d'interesse da parte dei ragazzi che dobbiamo sfruttare per dare vita ad una nuova e qualificata generazione di arbitri".

Download area tecnica
Mister-Wolf srl