News

La proposta sul "Patto per il rugby abruzzese"

15/07/17

  • La proposta sul

    Si chiama “Patto per il rugby abruzzese” la proposta elaborata dal presidente del Comitato regionale della Federazione Italiana Rugby, Giorgio Morelli, e inviata a tutti i club della palla ovale abruzzese.

    Quella di Morelli, eletto lo scorso febbraio presidente di FIR Abruzzo, è una riflessione coraggiosa e destinata a far discutere. La proposta si basa sostanzialmente sulla liberalizzazione, nell'ambito regionale, dei cartellini dei giovani atleti militanti nei club abruzzesi. Senza i parametri e le diverse difficoltà che i giocatori U18 incontrano nel trasferirsi da una società all'altra, si valorizzerebbe dunque la carriera dell'atleta, permettendo allo stesso di tornare a fine carriera nel club di appartenenza, e quindi di contribuire alla crescita della società e del movimento rugbistico regionale.

    Dobbiamo essere consapevoli – afferma Morelli nella missiva inviata ai club - che l’alto livello già da oggi, ma ancor di più nel prossimo futuro, vedrà i migliori talenti, pochi, dirigersi in ambiti di professionismo quali PRO12, club esteri e Nazionali, mentre gli altri, pur meritevoli, vedranno svolgere la loro vita sportiva nel Campionato d’Eccellenza, in Serie A o nelle serie minori”.

    Qui dobbiamo essere tutti consapevoli che se da un lato i percorsi di ogni atleta sono a doppio binario verso l’alto e verso il basso, dall’altro i livelli, qualsiasi essi siano, devono restituire ai giocatori il massimo della soddisfazione e gratificazione”, aggiunge il presidente.

    In questo modo il “fare squadra” di cui si parla da sempre nel rugby non rimarrebbe solo un concetto vago e retorico, se tutti i club abruzzesi prendessero un formale impegno affinché gli atleti da loro formati e cresciuti nelle varie categorie giovanili fossero liberi, senza compensazioni di nessuna natura, di scegliere la squadra più adeguata alle loro competenze ed esigenze. La crescita dei talenti, specie delle categorie U16 e U18, troverebbe in Abruzzo un binario complementare e parallelo a quello determinato dai centri di formazione permanenti e alle accademie.

    Il “Patto per il rugby abruzzese” potrebbe dare inoltre dei concreti ritorni da parte dei club, basati sulla possibilità di presentarsi alle istituzioni ed agli operatori economici con un piano chiaro, condiviso e forte nei suoi principi e valori. Un’unità d’intenti, quindi, in cui ogni società potrebbe riconoscersi come se l’Abruzzo fosse un unico grande club.

    Della proposta per il “Patto per il rugby abruzzese” si parlerà nelle prossime settimane tra i club e gli organi del rugby regionale, per favorire uno spazio di maggiore confronto e condivisione. Per una crescita comune.

    Qui la lettera completa inviata ai club